I Diaconi permanenti nella Chiesa in Italia. Orientamenti e Norme

La Conferenza Episcopale Italiana nella XXXVI Assemblea Generale ordinaria, svoltasi a Collevalenza dal 26 al 29 ottobre 1992, ha esaminato e approvato con la prescritta maggioranza il documento "I diaconi permanenti nella Chiesa in Italia. Orientamenti e Norme". In conformità al can. 455, par. 2 del Codice di Diritto Canonico ho richiesto con lettera del 2 febbraio 1993 (prot. n. 62193) la prescritta "recognitio" della Santa Sede. Con venerato foglio del 4 maggio 1993 (prot. 960193) il Segretario della Congregazione per i Vescovi mi ha comunicato la concessione della "recognitio" specificando che essa riguarda i ('punti del documento che rimangono sotto la sua disciplina del can. 236 (formazione dei candidati al Diaconato permanente)". Pertanto con il presente decreto, nella mia qualità di Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, per mandato dell'Assemblea Generale e in conformità al can. 455 nonché all'art. 281a dello Statuto della C.E.I., intendo promulgare e di fatto promulgo il documento "I diaconi permanenti nella Chiesa in Italia. Orientamenti e Norme", approvato dalla XXXVI Assemblea Generale, stabilendo che, in conformità al can. 8, par. 2, del Codice di Diritto Canonico, entri in vigore dopo un mese dalla data di pubblicazione sul Notiziario ufficiale della Conferenza Episcopale Italiana.
Roma, dalla sede della C.E.I., 1 giugno 1993

I diaconi permanenti nella Chiesa in Italia. Orientamenti e Norme