social bookmarks
facebook
twitter
linkedin

Il Diacono questo sconosciuto

diacono

 Dopo averci fatto dono di un suo scritto "I sette voluti dagli Apostoli ",  il diacono Carlo Mazzagatti pone alla nostra attenzione una sua riflessione "Il diacono questo sconosciuto",  nella quale si interroga se oggi il diacono a cui sono affidati  "uffici sommamente necessari alla vita della Chiesa",  svolge il suo ministero pienamente, oppure l'attuale prassi pastorale necessita una rilettura alla luce di una attenta riflessione teologica.

Ringrazio il confratello Carlo Mazzagatti, per la sua riflessione e per averla condivisa con noi. Buona lettura.

 

Clicca sul Link sottostante per scaricare il documento.

La piena dignità del Diacono permanente

A conclusione del XXV Convegno dei diaconi italiani, dal tema: "La famiglia del diacono scuola di umanità",  di cui vi invito a leggere gli atti al seguenti link: "Comunita del Diaconato in Italia",  particolare accento assume, la relazione di S. Em. Card. Beniamino Stella Prefetto della Congregazione del Clero, in merito alla dignità dei diaconi nella Chiesa, riassunta  in un articolo a cura di  Gian Maria Comolli  su Avvenire  dell' 8 Agosto 2015,  di cui porto ampio stralcio:

Leggi tutto: La piena dignità del Diacono permanente

I sette voluti dagli Apostoli

I SETTE VOLUTI DAGLI APOSTOLI

a cura del diacono Carlo Mazzagatti

Berlino Carpaccio S Stefanoconsacratodiacono

Vittore Carpaccio 1511 - S. Stefano e sei suoi compagni consacrati diaconi da S. Pietro

La sacramentalità del diaconato è un problema che rimane implicito nelle testimonianze bibliche, patristiche e liturgiche. Nel suo insieme, la Ratio fundamentalis (1998) afferma chiaramente la sacramentalità del diaconato come pure il suo carattere sacramentale, nella prospettiva di una teologia comune del sacramento dell’ordine e del rispettivo carattere che imprime.
A tal  proposito, rifacendosi all'episodio descritto in Atti 6, 1-6, il diacono Carlo Mazzagatti, ci fa dono di una sua riflessione, sulla interpretazione di questo brano, ricordandoci inoltre che al di là di tutti i problemi che solleva il diaconato, è bene ricordare che dopo il Concilio Vaticano II la presenza attiva di questo ministero nella vita della Chiesa suscita, in memoria dell’esempio di Cristo, una coscienza più viva del valore del servizio per la vita cristiana.

Ringrazio Carlo Mazzagatti per la sua riflessione e per averla condivisa con noi. Buona lettura.

Per scaricare l'articolo, clicca sul link sottostante.

E' tornato alla Casa del Padre il fratello di Mons. Tindaro Cocivera

S Stefano

 

E' tornato alla Casa del Padre il fratello di Mons. Tindaro Cocivera, i diaconi uniti dalla fraternità sacramentale elevano al Signore la comune preghierà, perchè attraverso la misericordia di Dio possa essere accolto in Paradiso.

Le eseguie saranno celebrate Martedì 28 Luglio alle 10.00 nella chiesa di S. Antonio Abate, Corso Cavour - Messina.

A che servono i diaconi oggi?

Carissimi,
se ben ricordo, il nostro Vicario Generale Don Gaetano Tripodo, nell'incontro del 10 Maggio u. s., provocatoriamente ci disse ... a che servono i diaconi, invitandoci ad esprimerci e ad interrogarci su quale servizio svolge oggi il diacono nell'Arcidiocesi, quale difficoltà incontra nell'esercitare il suo ministero e quali sono le aspettative che si hanno su di loro. Luci ed ombre di un ministero che interroga chi ha ricevuto la grazia sacramentale di essere Diacono, ma nello stesso tempo interroga anche chi ha ricevuto dal Signore il dono del Diaconato, Vescovo, Presbiteri, Fedeli laici.

A tal fine, Carmelo Brigandì Diacono della nostra Arcidiocesi, offre un suo scritto, come spunto di riflessione e perchè no, di ulteriori riflessioni per tutti coloro che vivono questo ministero e per chi è destinatario del dono del Diaconato.

Ringrazio Carmelo Brigandì per la sua riflessione e per averla condivisa con noi. Buona lettura.

Per Scaricare l'articolo, clicca sul link sottostante

lavanda piedi

 

A CHE SERVONO I DIACONI OGGI

Riflessione a cura del diacono Carmelo Brigandì

Dopo tanti anni dalla chiusura del Concilio Vaticano II la recezione del suo insegnamento è ancora agli inizi. È un ritornello che si sente spesso e che sottintende il desiderio e le speranze di quanti attendono la sua realizzazione. Un processo di innovazione che coinvolge la natura stessa della Chiesa chiamata ad essere Corpo mistico di Cristo. Il Concilio nel recuperare la tradizione biblica e patristica intende superare quella visione di Chiesa esclusivamente societaria della comunità ecclesiale. I Padri conciliari hanno parlato di una Chiesa che è mistero e allo stesso tempo soggetto storico. Le due realtà vanno insieme: relazione con Dio per comprendere la propria natura e identità, e relazioni con gli uomini del suo tempo per continuare la sua missione evangelizzatrice. La Chiesa sacramento-strumento di salvezza è voluta così dal suo Signore e per essere tale deve mantenersi fedele al deposito affidato agli apostoli, i cui contenuti trovano fondamento nella Parola di Dio e nella Tradizione. Il diaconato nella Chiesa antica ha una presenza feconda e necessaria per esercitare il mandato di Gesù affidato agli apostoli.

Leggi tutto: A che servono i diaconi oggi?

2019  Diaconi Arcidiocesi di Messina Lipari S. Lucia del Mela  globbersthemes joomla templates